NEWS
WRC / 7 aprile
Tour de Corse, Day 2: Loeb attacca, Ogier controlla. Italiani sugli scudi.
Testo: Luca Piana

Rally Emotion E' vietata qualsiasi riproduzione, anche parziale. / All rights reserved.
 
RaceEmotion
 
"Non punto a vincere il decimo Mondiale, semmai mi piacerebbe vincere il 79 rally iridato". Sebastien Loeb non usa giri di parole per analizzare la seconda giornata del Tour de Corse, quarto evento di un Mondiale che parla sempre pi francese. L'eredit lasciata dall'alsaziano stata raccolta da Ogier, omonimo e "Cannibale" (quasi pi del solito) in queste ultime due uscite. Il portacolori del team Ford M-Sport ha un vantaggio considerevole su Ott Tanak, risalito fino alla seconda posizione dopo un inizio difficile. L'estone ha approfittato del ritiro di Kris Meeke, volato fuori nel corso della decima prova speciale - sembra a causa di problema di comunicazione con il navigatore, Paul Nagle -, quando era in bagarre con Thierry Neuville per la piazza d'onore. Il belga stato beffato dal portacolori del team Toyota, sopraggiunto sul podio virtuale e "promosso" primo degli inseguitori al termine dei 17.39 chilometri della "Novella 2". Oltre al pupillo di Markko Martin, la seconda tappa premia Loeb, ormai fuori dai giochi, ed Esapekka Lappi, quarto della classifica con Neuville nel mirino. Distacco di oltre un minuto per Dani Sordo, che completa la top five a scapito di Elfyn Evans, in rimonta dopo il ritiro (nel corso della PS8) di Jari-Matti Latvala.


Andreas Mikkelsen (Hyundai) precede Kris Meeke, che paga dazio per l'ultima prova speciale non disputata e potrebbe anche non ripartire domani. In questo caso Fabio Andolfi risalirebbe fino alla nona posizione attualmente occupata - con ampio margine sul savonese - da Jan Kopecky, leader del WRC-2. E' la tripletta Skoda a caratterizzare la serie cadetta fino a questo momento, con il ceco primo davanti al ligure e a Veiby, rallentato nel finale da un problema meccanico. Stessa sorte per Bonato, quarto di classe con la Citroen C3 R5. Bene Mauro Miele e Luca Beltrame, quattordicesimi assoluto al volante della Citroen DS3 WRC, davanti a Loeb e Bouffier (costretto al ritiro in questa seconda tappa per un problema al motore della Ford Fiesta RS WRC). Bandiera francese anche in classe R-GT dove Astier precede Andrea Nucita, entrambi al volante della 124 Abarth, rispettivamente del team Milano Racing e Bernini. Tra gli Junior spicca Franceschi su Folb, in un monomarca che si preannuncia combattuto fino all'ultimo metro (solo 17.9 secondi separano i due). Terzo l'irlandese Devine, davanti al "duo" svedese Bergkvist e Radstrom, quest'ultimi vincitore del round di apertura del campionato. Settimo Luca Bottarelli, decimo Enrico Oldrati, mentre Umberto Accornero resta in dodicesima piazza. Sassi 43, Modanesi 51. Domani gran finale con gli ultimi due tratti cronometrati.


Tour de Corse - Day 2 - Top ten


1. Ogier / Ingrassia - Ford Fiesta RS WRC - in 2:43:07.7

2. Tanak / Jarveoja - Toyota Yaris WRC - a 44.5

3. Neuville / Gilsoul - Hyundai i20 WRC - a 44.6

4. Lappi / Ferm - Toyota Yaris WRC - a 54.9

5. Sordo / Del Barrio - Hyundai i20 WRC - a 1:46.7

6. Evans / Mills - Ford Fiesta RS WRC - a 1:49.8

7. Mikkelsen / Jaeger - Hyundai i20 WRC - a 2:13.5

8. Kopecky / Dresler - Skoda Fabia R5 - a 8:22.9

9. Meeke / Nagle - Citroen C3 WRC - a 10:41.4

10. Andolfi / Scattolin - Skoda Fabia R5 - a 11:27.2
PROMOTION