NEWS
CIR / 12 marzo
Citroen presenta la C3 R5 affidata a Luca Rossetti: tecnica e passione unite per vincere
Testo: Anna Canata

© Rally Emotion – E' vietata qualsiasi riproduzione, anche parziale. / All rights reserved.
 
© RaceEmotion
 
Sarà un mix davvero incisivo quello che Citroen schiererà nel Campionato Italiano Rally 2019, anno in cui celebra peraltro il centenario del marchio.

Una combinazione che comprende una vettura come la Citroen C3 R5, già dimostratasi performante e un pilota collaudato e vincente come Luca Rossetti, seppur lontano dal tricolore da tempo, ad eccezione dell'estemporanea comparsa al Rally Due Valli 2017 e 2018, in cui si è aggiudicato una limpida vittoria assoluta. Completano il pacchetto una navigatrice sperimentata come Eleonora Mori (con cui Rossetti ha conquistato il titolo IRC 2017 e 2018), nonché la gestione affidabile della Racing Lions e il consolidato supporto di Pirelli per gli pneumatici. Si potrebbe parlare del ritorno del figliol prodigo visto che il pilota friulano ha iniziato il rapporto con il gruppo nel 2003 disputando il Campionato Italiano su Citroen Saxo e, dopo diverse stagioni da pilota ufficiale Peugeot, ha lasciato la casa del Leone alla fine del 2008 dopo aver conseguito il suo unico titolo tricolore assoluto.

"Quella di Rossetti è stata una scelta complicata - commenta Carlo Leoni, Direttore Comunicazione di PSA - visto che dieci anni fa non ci siamo lasciati bene. Però ci siamo confrontati e chiariti con la serietà e la trasparenza che devono avere dei professionisti. Oggi siamo qua perché siamo convinti che sia il miglior pilota in circolazione anche riguardo alla preparazione della vettura e all'atteggiamento all'interno del team. Quindi una scelta non semplice, ma naturale." Riguardo alle prestazioni messe in mostra dal pordenonese al Rally Due Valli nelle ultime due stagioni, Carlo Leoni ha aggiunto: "Il fatto di vederlo ancora competitivo su un palcoscenico importante ha contribuito a darci conferma della scelta che stavamo facendo. Questa vettura non la conosciamo quindi la scopriremo al Ciocco. E' un campionato veramente aperto, forse più degli ultimi anni."
 
.
 
Luca Rossetti sinora ha provato la C3 R5 in una sola giornata di test. "Quello che mi ha stupito sin da subito, nei primi venti chilometri di test che ho fatto - commenta il pilota - , è vedere quanto la macchina sia equilibrata e pronta per i nostri percorsi. Questo non vuol dire che saremo subito al nostro massimo ma che c'è un'ottima base da cui partire.

"Rispetto alle altre R5 che ho utilizzato in gara - continua Luca - mi sono trovato subito a mio agio, e questa è una dote importante perché dà al pilota quella tranquillità necessaria per poter spingere a fondo. Unico aspetto su cui dovremo lavorare è l'impianto frenante. Inoltre, dovremo adattarne il set-up alle caratteristiche dei tracciati su cui si disputa il CIR. Si tratta di un lavoro delicato che richiederà all'inizio dei continui aggiustamenti perché, voglio sottolinearlo, la C3 R5 è al debutto assoluto in Italia e perché dovremo confrontarci con avversari che di quei tracciati hanno grande esperienza".

"Dobbiamo dimostrare sul campo gara il nostro livello" - dichiara Rossetti. Riguardo a chi sono gli avversari da battere non si sbilancia. "Temo una rosa di piloti, e bisognerà stare attenti un po' a tutti - specifica Luca - ma ho fatto negli anni molta esperienza e mi sono abituato a guardare quasi esclusivamente nella mia sfera, alla mia responsabilità che riguarda la guida, il trovare insieme alla squadra le giuste soluzioni di assetto e azzeccare la scelta degli pneumatici. Fatto questo avremo raggiunto il massimo della performance. Se a quel punto qualcuno va più forte di me, complimenti a lui."

Sugli obiettivi non ci sono proclami, ma c'è la determinazione: "Quello che mi appassiona è avere a disposizione un pacchetto di alto livello e trarne il massimo, guidando più forte possibile, che poi si traduce nel puntare al gradino più alto del podio. Quindi io sono motivato da questa passione per la guida e per la tecnica, che ha come risultato la ricerca della vittoria." spiega Rossetti.

Ma sarà prudente nell'affrontare il debutto di stagione: "Il mio obiettivo al Ciocco è fare più strada possibile e più velocemente possibile ma senza prendere nessun rischio perché ho bisogno di dati. Voglio sapere dove sono rispetto agli altri. Voglio conoscere di più la macchina in gara e l'abbinamento con le gomme, prtendo sereno, tranquillo e guidando al mio massimo. Da lì valutererò la mia performance. Se sarà sufficiente faremo una gran gara, se non sarà sufficiente dal lunedì dopo il Ciocco ci metteremo al lavoro."

Abbiamo fatto con Luca una chiacchierata più approfondita su questa nuova avventura. Per vederlo in azione invece non ci resta che aspettare una decina di giorni...
Link:
Luca Rossetti ed Eleonora Mori testano la C3 R5 per la prima volta
CIR
PROSSIMO RALLY
24 marzo
Rally Il Ciocco 2019
CIR
CLASSIFICA
CALENDARI E CLASSIFICHE GARE
 
21 marzo
23 marzo
Azores Rally 2019
ERC
CALENDARIO COMPLETO
PROMOTION