NEWS
CIRT / 25 aprile
Andreucci e Scandola al via del Campionato Terra, con tanti pretendenti
Testo: Luca Piana

© Rally Emotion – E' vietata qualsiasi riproduzione, anche parziale. / All rights reserved.
 
Peugeot Italia
 
Proseguirà lontano dalle prove speciali del Tricolore la sfida tra Paolo Andreucci e Umberto Scandola, assidui protagonisti ed animatori delle ultime edizioni del Campionato Italiano Rally. Come già anticipato qualche settimana fa, il toscano, detentore del titolo nazionale, ed il vicecampione in carica quest'anno saranno della partita nel Campionato Italiano Rally Terra. Una scelta dettata soprattutto dal cambio di strategia dei rispettivi gruppi motoristici rappresentati, Peugeot e Skoda, che hanno deciso di non prendere parte in forma ufficiale alla stagione in corso del CIR. Ecco allora che, dopo un inverno di trattative, entrambi si presenteranno ai nastri di partenza del 26° Rally Adriatico, in programma nel primo fine settimana di maggio. Una location ideale per il veronese, che nelle ultime sei edizioni ha sempre scritto il suo nome nell'albo d'oro della gara, valida per la massima competizione rallistica italiana fino al 2018. Tanti gli sfidanti che renderanno dura la sfida alle due new entry della serie. Da Daniele Ceccoli a Cobbe Luciano, fino a Giacomo Costenaro, Francesco Fanari, Luca Hoebling, Nicolò Marchioro, Luigi Ricci e Stephane Consani, solo per citare alcuni fra i già annunciati protagonisti del Terra.


Andreucci, vincitore del Campionato Italiano Rally 2018 al termine di una stagione particolare (condizionata dal brutto incidente della scorsa estate durante una sessione di test in Liguria), ha deciso di restare fedele alla Casa del Leone, di cui è testimonial e ambasciatore. Il toscano si è tolto dal mercato già nello scorso inverno, visto che - una volta ufficializzato il programma del gruppo PSA nel tricolore con Citroen Italia e l'equipaggio composto da Luca Rossetti ed Eleonora Mori -, si è presentato alla kermesse milanese organizzata da Peugeot Sport. Da quest'anno l'undici volte "scudettato" segue sui campi di gara del Tricolore l'equipaggio Junior composto da Tommaso Ciuffi e Nicolò Gonnella, protagonisti fra le 2 Ruote Motrici con la Peugeot 208 R2. "Ma io resto comunque un pilota" ha sottolineato più volte il toscano, che non ha alcuna intenzione di appendere il casco al chiodo. Anzi, questa nuova sfida lo entusiasma come non mai, ed il minore impegno agonistico - salvo ulteriori integrazioni al programma che eventualmente saranno comunicate a stagione in corso - gli darà modo di dedicarsi anche ai giovani partecipanti al Centro Tecnico Federale Auto de "Il Ciocco". Nessun dubbio sul marchio che andrà a rappresentare nei cinque appuntamenti (Adriatico, Sardegna, San Marino, Nido dell'Aquila, Tuscan Rewind) della serie sterrata, sembra ormai certo anche l'impegno di Anna Andreussi sul sedile di destra della 208 T16 R5.


Anche il veronese ha optato per la serie completamente sterrata, su un fondo che lo ha sempre visto protagonista negli ultimi anni. Il ritiro di Skoda Italia dal tricolore ha di fatto interrotto il progetto coordinato e gestito dalla famiglia Scandola. Nei mesi scorsi l'ex campione italiano rally ha testato diverse vetture, in modo da farsi trovare pronto all'appuntamento del prossimo fine settimana. Probabile per lui un impegno completo nella serie con la Hyundai i20 R5. Un Terra che si preannuncia rinvigorito da un parterre de roi ricco in quantità e qualità, con la sola assenza del campione in carica, Mauro Trentin, che non difenderà il titolo conquistato nel 2018. Grande attesa anche per il per il Trofeo Gruppo N quattro ruote motrici organizzato da Aci Sport all'interno del CIRT. Il trofeo riservato alle vetture di gruppo N quattro ruote motrici, tipo Mitsubishi Lancer e Subaru Impreza nelle varie evoluzioni, che prenderanno parte alla serie tricolore riservate agli specialisti dei fondi sterrati, si svolgerà in regime di monogomma con la Yokohama che sarà il fornitore. Le gare valide saranno tutte le cinque del Campionato Italiano Rally Terra, ad iniziare dal Rally Adriatico che si svolgerà il 4/5 maggio. In palio c'è un montepremi di 6 mila euro per il vincitore, che diventano 4 mila per il secondo, 3 mila per il terzo e 2 mila per il quarto classificato. Hanno già confermato l'adesione al trofeo James Bardini, Piergiorgio Bedini, Mattia Codato, Stefano Guerra, Armando Ioriatti.
Link:
ELENCO ISCRITTI AL CIRT 2019
CALENDARI E CLASSIFICHE GARE
 
27 settembre
29 settembre
Cyprus Rally 2019
ERC
CALENDARIO COMPLETO
PROMOTION