NEWS
ERC / 29 novembre
Rally delle Isole Canarie: vince Fourmaux. Titolo a Lukyanuk, l'ERC1 Junior è di Solberg
Testo: Luca Piana

© Rally Emotion – E' vietata qualsiasi riproduzione, anche parziale. / All rights reserved.
 
© Fia ERC
 
Secondo successo consecutivo per Adrien Fourmaux e Renaud Jamoul che, dopo l'affermazione di due settimane fa al "Trofeo Aci Como", si sono imposti anche al Rally delle Isole Canarie, appuntamento conclusivo del FIA ERC. In terra spagnola i portacolori del team M-Sport sono riusciti a mantenere un buon ritmo sin da una prima giornata caratterizzata dalle condizioni meteorologiche mutevoli. Anche i big della serie continentale hanno dovuto fare i conti con una vera e propria lotteria, con le scelte della posizione di partenza e degli pneumatici da utilizzare che si sono rivelate determinanti. Alla fine a fare festa è stato il francese, al via con una Ford Fiesta Rally2 MkII, abile a mantenersi nella scia dei locali Ivan Ares (Hyundai i20 Rally2, leader al termine della prima tappa e terzo assoluto, ndr) e Nil Solans (Skoda Fabia Rally2, 13° assoluto a causa di una foratura avvenuta nel corso della seconda frazione) e ad allungare poi al momento decisivo.


Seconda posizione per il transalpino più esperto, Yohan Bonato (Citroen C3 R5), autore di una grande rimonta dopo una prima giornata vissuta nella pancia del gruppo. Grande soddisfazione anche per l'altro portacolori della Casa del Double Chevron, Alexey Lukyanuk che, in coppia con Alexey Arnautov, si è aggiudicato il titolo Europeo, il secondo a livello personale (dopo quello del 2018). «E' stata una stagione lunga e difficile, ancor di più con tutte le cose che stanno succedendo nel mondo - ha affermato il russo -, ma sono davvero contento di aver concluso la stagione con questo risultato. Sono contento della mia guida in generale, forse non di quella esibita in questo weekend, ma durante la stagione è stata forte, con diverse prestazioni solide. Siamo migliorati, ma non è facile competere al vertice con risorse limitate, anche se finora ha funzionato. Sarà sempre più difficile in futuro, quindi dovremo adeguarci. Ma questo titolo non sarebbe stato possibile senza il supporto di Citroën, Total, Saintéloc, Pirelli e di molti sponsor e partner personali che dobbiamo anche ringraziare, visto che ci supportano anche in questi tempi difficili. Lo stesso dicasi per i nostri fan e le nostre famiglie per tutto il loro supporto».


Quarta posizione assoluta per Oliver Solberg (Volkswagen Polo Rally2), vincitore dell'ERC1 Junior. «Devo dire che per me è un risultato incredibile - ha affermato il 19enne, figlio di Petter - e anche finire secondo dietro a Lukyanuk è fantastico dopo una stagione non facile. Volevamo solamente fare un po' di esperienza sull'asfalto e il campionato europeo mi ha sicuramente dato questa possibilità. Vincere il titolo è incredibile dopo una competizione così dura in ogni gara. Ora dobbiamo pianificare per il 2021 e valutare come spendere il montepremi (100 mila euro, ndr) che abbiamo vinto». A Gregoire Munster (Hyundai i20 R5) non è bastato il ventesimo posto finale per soffiare il titolo al giovane norvegese, in gara con la licenza svedese. Il portacolori del team BMA Autosport ha chiuso al secondo posto nella classifica assoluta, davanti al campione in carica dell'ERC3 Junior, Efrén Llarena, in gara con il colori del Rallye Team Spain.


Sebbene non avesse bisogno di vincere l'evento per conquistare un terzo titolo ERC2, al Rally delle Isole Canarie l'ungherese Tibor Érdi Jr ha ottenuto la quarta vittoria di categoria su altrettante competizioni a cui ha preso parte - al volante della sua Mitsubishi Lancer Evolution X - in questa stagione. Zelindo Melegari (Alpine) non ha disputato la seconda tappa a causa dell'incidente che, nella prima giornata, lo ha messo fuori gioco. Gioia, invece, per Andrea Mabellini che, in coppia con Nicolò Gonella, si è laureato campione dell'Abarth Rally Cup 2020. Grande soddisfazione, infine, per l'estone Ken Torn, re dell'ERC3.


Rally Isole Canarie - top ten


1. Fourmaux/Jamoul - Ford Fiesta R5 MkII - in 2:12:21.2

2. Bonato/Boulloud - Citroën C3 R5 - a 25.0

3. Ares/Vázquez - Hyundai i20 R5 - a 55.6

4. O. Solberg/Johnston - Volkswagen Polo GTI R5 - a 1:17.4

5. Suárez/Alberto Iglesias - Škoda Fabia Rally2 Evo - a 1,39.1

6. Mikkelsen/Jæger-Amland - Škoda Fabia Rally2 Evo - a1:48.8

7. Lukyanuk/Arnautov - Citroën C3 R5 - a 2:10.6

8. Devine/Fulton - Hyundai i20 R5 - a 2:25.7

9. Marczyk/Szymon Gospodarczyk - Škoda Fabia Rally2 Evo - a 2:32.1

10. Monzón/Déniz - Citroën C3 R5 - a 2:32.4
PROMOTION