NEWS
WRC / 5 dicembre
Aci Rally Monza, Day 2: harakiri Evans, il leader Ogier ''vede'' il titolo. Bene Scandola e gli italiani
Testo: Luca Piana

© Rally Emotion – E' vietata qualsiasi riproduzione, anche parziale. / All rights reserved.
 
© RaceEmotion
 
All'inizio della prova speciale "Gerosa 2" c'era un commissario che, con un cartello scritto a mano, ha messo in guardia tutti i partecipanti. "Probably snow in the last 4 kilometers". Non aveva torto, anzi. Dopo circa sei degli undici chilometri previsti dal tratto cronometrato, gli equipaggi iscritti all'Aci Rally Monza non hanno trovato solamente il nevischio, ma anche un fondo completamente ghiacciato. Ne sa qualcosa Elfyn Evans, che lì ha lasciato i suoi sogni di gloria. "Sembrava di passare su uno specchio" ha affermato il gallese, che in quel momento stava spingendo forte (all'ultimo split registrava nove secondi di vantaggio su Tanak, autore del miglior tempo provvisorio).


Con il leader del Mondiale fuori dai giochi, Sébastien Ogier ha potuto gestire la parte finale della seconda giornata di gara. Il francese, infatti, è diventato il candidato più forte per il titolo iridato. Le prove speciali della Bergamasca sono risultate selettive, anche se il secondo passaggio sulla Costa Valle Imagna è stato cancellato proprio a causa della neve. Sulla Gran Prix di fine giornata Ogier ha controllato, con gli inseguitori Sordo e Tanak che hanno guadagnato una manciata di secondi. Domani nei tre tratti cronometrati previsti all'interno dell'Autodromo Nazionale di Monza Sordo dovrà azzerare un gap di 17 secondi se vorrà bissare il successo ottenuto in Sardegna. Anche l'estone è in scia allo spagnolo, mentre Lappi (Ford) e Rovanpera (Toyota), pur mantenendo salda la posizione nella top five, non hanno più molto da chiedere alla loro gara. Quest'ultimo, semmai, dovrà garantire al team Toyota Gazoo Racing i punti necessari per il titolo Costruttori.


Con i numerosi incidenti che sono occorsi ad alcuni big della top class (brutti crash, ma equipaggi ok, di Greensmith e Veiby, mentre Neuville e Suninen hanno terminato la gara anzitempo), tante vetture di classe Rally2 hanno trovato posto nella top ten. A partire da Andreas Mikkelsen e Oliver Solberg, entrambi al via con Skoda Fabia R5, che domani si giocheranno il successo di classe. A seguire Mads Ostberg (Citroen) ed Emil Lindholm (Skoda). Meritano una menzione particolare anche gli equipaggi azzurri iscritti alla gara, da Alessandro Perico (l'italiano meglio posizionato in classifica con la Skoda Fabia R5) a Umberto Scandola (Hyundai), autore del miglior tempo assoluto sulla PS11 (era dal 2008, Gigi Galli e Giovanni Bernacchini, che un italiano non siglava uno scratch nel Mondiale). E poi Marco Gianesini, Marco Roncoroni, Matteo Gamba e Mauro Miele (tutti su Skoda) e Giacomo Ogliari (Citroen), che quest'oggi si sono fatti vedere nella top 15 in alcune prove speciali. Domani gran finale con gli ultimi tre tratti cronometrati: in palio anche i punti della Power Stage.


CLASSIFICA ASSOLUTA TOP10 ACI RALLY MONZA


1. Ogier-Ingrassia (Toyota Yaris WRC) in 1:47:47.2

2. Sordo-Del Barrio (Hyundai i20 Coupè WRC) a 17.8

3. Tanak-Jarveoja (Hyundai i20 Coupè WRC) a 22"1

4. Lappi-Ferm (Ford Fiesta WRC) +38"2

5 Rovanpera-Halttunen (Toyota Yaris WRC) a 1:10.1

6. Mikkelsen-Jaeger (Skoda Fabia Evo Rally2) a 3:20.6

7. Solberg-Johnston (Skoda Fabia Evo) a 3:34.9

8. Huttunen . Lukka (Hyundai NG i20) a 4:08.9

9. Ostberg - Eriksen (Citroen C3) a 4.39 10. Lindholm-Korhonen (Skoda Fabia Evo Rally2) a 5:06.6
PROMOTION